CAMPIONATO ITALIANO DI DISTANZA DI VOLO A VELA

Regolamento edizione 2016

 

1. ENTE ORGANIZZATORE E DIREZIONE DI GARA

L’Aero Club d’Italia indice il Campionato Italiano di Distanza (CID) per l’anno 2016 e ne affida l’organizzazione all’ACAO (Aero Club Adele Orsi). Il direttore di gara (DrG) è Alberto Albertazzi e il Segretario è Massimo Zottola. La Commissione Sportiva Operante (CSO) è composta dal Presidente Danilo Spelta (Torino), Marco Cappelletti (Alzate) e Damino Ceriani.

 

2. CATEGORIA MANIFESTAZIONE E ALIANTI

Il CID è una competizione di categoria nazionale ad handicap (handicap OLC) con classifiche suddivise in 3 classi in funzione dell’aliante usato: club (alianti fino a 1,07 di hp), 15 m (alianti con hp maggiore di 1,07 e apertura alare fino a 15 m) e open (tutti gli alianti che non rientrano nelle prime due classi).
Sono ammessi tutti i tipi di alianti e alianti motorizzati, mono e biposto.

 

3. SCOPO E TITOLI ASSEGNATI

Il CID ha lo scopo di promuovere e incrementare il volo a vela di distanza sul territorio italiano e designare i Campioni Italiani di distanza delle classi open, 15 metri e club. Il CID potrà anche assegnare il titolo di Campione Italiano di distanza nella categoria femminile se saranno soddisfatte le condizioni descritte nel successivo punto 8 di questo regolamento.

 

4. PARTECIPANTI

Possono partecipare al CID tutti i piloti con cittadinanza italiana e con la tessera FAI in regola per l’anno 2016 rilasciata dall’AeCI.

 

5. ISCRIZIONI

L’iscrizione al CID è gratuita e deve essere effettuata compilando e inviando l’apposita form di iscrizione sul sito acao.it (Attività Sportiva -> CID 2015). Sarà possibile iscriversi dal 1 febbraio 2016 fino al 15 settembre 2016, ma solo dopo aver ricevuto dall’AeCI la tessera FAI 2016 (o il suo rinnovo al 2016). In fase di iscrizione il pilota deve indicare a quale Aeroclub appartiene (per Aeroclub di appartenenza si deve intendere quello al quale il pilota ha fatto richiesta di rilascio/rinnovo della tessera FAI).
L’iscrizione di un pilota al CID presuppone l’accettazione incondizionata di questo regolamento, dei regolamenti pubblicati sul sito OnLine Contest (OLC) sotto richiamati e del Regolamento Sportivo Nazionale dell’AeCI, al quale si rimanda per tutto quanto non contemplato in questo documento. I piloti che desiderano partecipare al CID devono quindi registrarsi al sito OLC e prendere visione dei relativi regolamenti.
I piloti che si iscrivono al CID accettano che i propri dati di volo e tracciati siano pubblicati in Internet sul sito www.onlinecontest.org e sul sito www.acao.it. Il diritto all’uso dei file dei tracciati di volo è non esclusivo e viene concesso in modo irrevocabile e incondizionato agli organizzatori del CID e agli organizzatori dell’OLC.

 

6. VOLI VALIDI

I voli validi per il CID devono essere effettuati con aeroporto di partenza sul territorio italiano tra il 1 marzo e il 15 settembre 2016. Si possono presentare anche i voli effettuati nel corso di gare di velocità o di altre gare di distanza. Se un pilota si iscrive al CID successivamente al 1 marzo 2016, non saranno considerati validi gli eventuali voli effettuati dal pilota tra il 1 marzo e la data della sua iscrizione al CID.
I voli devono essere documentati tramite registratori di volo GNSS in formato IGC, approvati IGC o comunque accettati dal sistema OLC. Il decollo deve essere registrato nel file IGC. Non è richiesta la pre dichiarazione elettronica o cartacea del tema di volo.
Per la catalogazione dei voli, l’attribuzione dei punteggi ai voli validi e la formazione delle classifiche, l’ACAO utilizza la piattaforma web OLC. Il file IGC di ogni volo deve quindi essere inviato al sistema OLC entro 48 ore dall’atterraggio.
I file di volo degli alianti motorizzati devono essere generati da logger con funzione ENL attiva per dimostrare che il motore non è stato azionato durante la prestazione volovelistica (tra il punto di partenza e il punto di arrivo).
Nel caso di biposto, indipendentemente dalla posizione occupata dai 2 piloti nell’aliante, il volo deve essere inviato all’OLC a nome e per conto del pilota (Pilota Titolare) in possesso della prova di distanza di insegna FAI già omologata più alta (50 km, 300 km, 500 km, 750 km, 1000 km, 1250 km…) alla data del volo o, in caso di parità di insegna posseduta dai due piloti, del pilota con la posizione più alta nel Ranking Internazionale IGC. Se i piloti a bordo hanno la stessa insegna e non sono presenti nel Ranking Internazionale, il Pilota Titolare a cui attribuire il volo può essere liberamente scelto dall’equipaggio. Se il file di un volo effettuato in biposto dovesse essere, per qualunque motivo, attribuito dall’OLC al secondo pilota (non al Titolare), l’equipaggio dovrà segnalare la cosa appena possibile in forma scritta alla DrG per dargli modo di effettuare le rettifiche necessarie.
I file IGC originali dei voli non devono essere modificati (non bisogna cambiare il nome del file e non bisogna salvare eventuali modifiche da programmi di visualizzazione e analisi del file) e devono essere conservati dal pilota titolare del volo fino alla fine del campionato (almeno fino a 30 giorni successivi alla data della premiazione).

 

7. PUNTEGGI DEI VOLI

A ogni volo valido viene attribuito il punteggio previsto dal regolamento OLC scaricabile all’indirizzo seguente: http://www.onlinecontest.org/olc-2.0/gliding/cms.html?url=rules.
Una volta inviato il file del volo, il sistema OLC individua un punto di partenza, un punto di arrivo e fino a 5 punti di virata (massimo 6 lati) in modo che sia massima la distanza percorsa e che l’altezza del punto di partenza non sia superiore all’altezza del punto di arrivo di oltre 1000 m. La distanza risultante determina un punteggio pari a 1 punto al chilometro (punteggio OLC Classic).
Se possibile, il sistema individua anche nel file del volo i tre punti che rappresentano i vertici del triangolo FAI di perimetro maggiore intorno ai quali si è compiuto nel volo un percorso chiuso. La distanza risultante (perimetro del triangolo FAI) determina un punteggio pari a 0,3 punti al chilometro (punteggio OLC FAI).
Il punteggio OLC associato al volo è pari alla somma dei punteggi OLC Classic e OLC FAI corretta con l’handicap dell’aliante usato.
Si noti che, per le regole OLC, la distanza del triangolo alla quale cambiano i requisiti per essere FAI è pari a 500 km (e non 750 km come accade per le insegna sportive).

 

8. CLASSIFICHE E PREMIAZIONE

Ogni pilota può documentare qualsiasi numero di voli in ciascuna classe. La classifica di ciascuna classe viene compilata in base alla somma dei 3 punteggi OLC più alti corrispondenti ai 3 migliori voli validi presentati da ciascun concorrente nella rispettiva classe.
Il pilota di nazionalità italiana primo classificato in ciascuna classe sarà nominato dall’Aero Club d’Italia Campione Italiano di Distanza 2016 della relativa classe. In caso di parità tra due o più concorrenti, il vincitore sarà il pilota che avrà realizzato il volo accreditato del miglior punteggio. Il titolo non verrà assegnato se la relativa classe non avrà un minimo di sei concorrenti con punteggio superiore a 800 punti.
Le classifiche provvisorie saranno aggiornate periodicamente (circa una volta al mese a partire da fine marzo) e pubblicate su www.acao.it.
La premiazione, salvo comunicazione diversa, si terrà in occasione del Congresso Nazionale di Volo a Vela 2016. Oltre ai primi 3 piloti di ciascuna delle classifiche di classe sopra menzionate, alla premiazione sarà premiato anche il pilota che avrà realizzato il volo valido con il punteggio OLC più alto (senza distinzione di classe), i primi 3 piloti della classifica femminile (senza distinzione di classe) e l’Aeroclub primo classificato.
La classifica di Aeroclub sarà ricavata attribuendo a ciascun club un punteggio pari alla somma dei punti di tutti i voli trasmessi dai propri piloti iscritti al CID, senza distinzione di classe e indipendentemente dal punto di decollo, a condizione che quest’ultimo si trovi sul territorio italiano. Nel caso in cui la classifica femminile dovesse essere composta da almeno 6 piloti, ciascuna con un punteggio di almeno 600 punti, il CID assegnerà anche il titolo di Campione Italiano di distanza della categoria femminile.
L’assegnazione dei premi si intende a titolo provvisorio fino all’avvenuta omologazione delle classifiche da parte della CCSA, con l’obbligo di restituzione nel caso di rettifiche alle classifiche.

 

9. LAGNANZE E RECLAMI

Si applica il Capitolo 5 del Regolamento Sportivo Nazionale dell’AeCI. In particolare la cauzione per presentare un reclamo è fissata in € 100,00.

 

10. PENALITÀ E RESPONSABILITÀ

Ogni pilota comandante che partecipa alla competizione ha il compito e la responsabilità di rispettare le regole dell’aria e la normativa sugli spazi aerei. La Direzione di Gara non ha il compito di verificare il rispetto di tali regole. L’AeCI e l’ACAO declinano ogni responsabilità per eventuali malfunzionamenti del sito OLC e per danni che possano derivare a persone o a cose in conseguenza dello svolgimento della competizione, così come per l’eventuale mancato rispetto delle regole di volo da parte dei piloti partecipanti.
Per la convalida dei voli non è richiesta la certificazione di giudici sportivi. Il DrG si riserva tuttavia la facoltà di verificare a campione, anche attraverso l’ausilio di giudici sportivi o testimoni, la regolarità dei voli inviati e potrà applicare delle sanzioni, dal richiamo scritto alla squalifica del concorrente, in funzione della gravità delle eventuali irregolarità riscontrate.