enricopozziIn ricordo dell’amico Enrico Pozzi, riportiamo un suo emozionante pensiero, casualmente ritrovato dalla famiglia, con la certezza che chi ama il volo a vela e Varese lo apprezzerà molto.

 
 
 
 


VARES DA UN VOLUVELISTA BUSIN

A sunt un fieu da la vera cepa busina. Basta pensà che ul me regiù, ul me massè e giò giò fina al me trisnonu garibaldin, e pusè giò an mò, a sem dalla stessa cepa.
 
E adess cu fai una breva introduzion ve vorì racuntà u la me grad pasium.
 
Mi sun vun da chi che ghe pias a sta per aria, a guardà giò e a gustà la magnificenza del bel nostar varesot. Sun chi e sun già su sul quel gran gabian, ca allè un aliant,
e che data la me circunferenza a cumincià a purgà i me pecà. Si perchè ula gabina in dua sun denter, la misura cinquanta, e mi sun cent de circunferenza.
 
Ma dopo un pu, vutà dai me amis, chi cunt un strepù, chi cunt un pè cume fasevan i nostar vech a schiscià l’uga, riesan a strengium denter, cumè un piecireu d’uga.
 
A sun già per aria, trainà dal bravu amis Aldù, cunt il so aparech fracasù, e cuminci a gudè: a vedi Beuch, Gavirà, la meravigliusa isula Verginia, Luin e sù su fina al Fort Durin, e chi cumincia ul me ver vugà. Tiri il pumel ross che sta a la me sinistra, e vedi il me amis Aldù chel fa una piruleta e peu al sa perd all’urizunt.
 
Me par de ves un’aquila, un urcelasc, a godi tut, a sent pu nessun fracass, e vedi una meraviglia, i tre Cruz, l’uservatori, i bei lineament de la funicular,
el Santuari, i Capei e chi a me rigordi par una girumeta ma fasevan andà da fuie al Santua a pè.  
E po vedi tut i lac, la cadena del Rosa, e sota da mi la Martica el Piam Bel.
 
E ma sent cuntent cume un fringuel; e vedi la Valganna, la Rasa e cume una stella a vedi dua nas l’Olona, bella, limpida, a man a man che vò in giò a vedi la cunciaria e la cartera, e chi che già cunscià l’acqua cumè una catramera.
 
A fo una virada a destra e sinistra, a vidi tut i meraviglius giardit, che circundan Vares, e mò sura la cità i machin cume tant furmic.
 
San Vitur, bel e maestus, la Madunina in prà, i giardin public, ul Cumun, tut, tut bel meraviglius; e man man che ma vicini a Calcinà, ma par che tra la fusuliera e l’urizunt de vidè il poeta varesot Speri Della Chiesa, che cunt la so fierezza e bunarietà al me dis:
 
“Bravu fieu che anca da l’alt te amant, te amirat la to terra e la to gent”.
 

Enrico Pozzi